Discovering SILICON VALLEY

Discovering SILICON VALLEY

  • 09 Ago 0
silicon_valley_2018_logo

Ci siamo! Pochi giorni alla partenza per San Francisco nell’ambito del Silicon Valley Study Tour, l’iniziativa nazionale, organizzata e promossa a livello locale per il sesto anno consecutivo da Novara Sviluppo, che si prefigge l’obiettivo di avvicinare laureati e laureandi, dalle principali università italiane, alla cultura imprenditoriale unica della Silicon Valley.
Da due anni a questa parte l’Università del Piemonte Orientale, coordinata dal professore di Organizzazione Aziendale presso il DiSEI, Roberto Candiotto, ha sposato totalmente e in parte finanziato il progetto, con il fine di creare un ponte professionale tra i propri studenti più motivati e i tanti italiani di successo, dirigenti high-tech, biotech e venture capital nella Silicon Valley.

Come lo scorso anno, selezionati proprio dall’Uniupo, saranno 5 gli studenti, tutti iscritti al DiSEI, a partecipare al Tour: Sara Biscuola, Claudio De Santis, Andrea Re, Roberto Rota e Dalila Sina. Il loro viaggio partirà il prossimo 19 agosto e i più curiosi potranno seguirlo attraverso i racconti che i ragazzi posteranno quotidianamente sul blog Students Sentiment

Il tour negli USA sarà il culmine di un lungo percorso fatto di conferenze, conoscenza, forum di discussione, crescita personale. Ma come è iniziata quindi questa avventura? Dalila, 20476120_235810600274047_2141481242255092946_nRoberto e Claudio si sono fatti incuriosire e trascinare dalla presentazione a lezione del prof. Candiotto che “ci ha appassionati e fortemente motivati, convincendoci che era davvero fattibile!”. Per chi coglie l’occasione al volo c’è chi invece ha dovuto pazientare ma, a volte, i treni passano una seconda volta. “Conoscevo già il mondo della Silicon Valley, il fascino delle big companies e degli innovatori” racconta Andrea “Nel 2017 ho dovuto rinunciare perché impegnato in Erasmus, appena ho letto la mail di promozione del nuovo progetto non ci ho pensato due volte, era il “mio” progetto”.

I ragazzi hanno così cominciato a seguire le conferenze di cultura di impresa innovativa proposte dagli organizzatori, “per pura curiosità inizialmente, non avevo un’idea precisa della Silicon Valley, ora ho addirittura l’opportunità di verificare da vicino ciò che ci hanno raccontato i relatori” dice Dalila o “perché conosco alcuni dei partecipanti della precedente edizione e ho avuto modo di apprezzare le potenzialità del progetto, la Silicon Valley come un posto in cui si può immaginare qualcosa di nuovo e realizzarlo” il motto di Sara.
Roberto invece si è fatto guidare poco alla volta in questo mondo: “Associavo per sentito dire la Silicon Valley alla tecnologia. Ascoltare le esperienze dei relatori mi ha aiutato a conoscerla meglio e ciò mi ha spinto a documentarmi. Ora non vedo l’ora di farmi contagiare da questa realtà, sento il bisogno di un’esperienza diversa, più pratica”.

Cosa vi aspettate dunque dal tour? “In quella settimana mi aspetto di fare un giro sulle giostre, così ce lo hanno presentato alcuni imprenditori. In fondo” ci confida Claudio “vedevo la Silicon Valley come la Disneyland delle opportunità, dove tutto è possibile. Sono pronto, anche se ho capito che non è tutto oro quello che luccica e nulla è scontato, voglio guardare da vicino i meccanismi”. Sara, sponsorizzata proprio dalla Fondazione, cerca ispirazione per il suo futuro: “In questo posto “mitico”, descritto spesso come un ambiente che funziona perfettamente, punto ad una crescita professionale e a creare un network di contatti”. “Da un ambiente così dinamico e coinvolgente mi aspetto di tornare con nuovi stimoli e tante motivazioni” si carica Andrea.

Da domenica 19 agosto quindi un affascinante ed intenso percorso attende questi ragazzi, che a settembre ci racconteranno le esperienze e le emozioni che avranno vissuto, con l’eccezione di Claudio e Andrea che invece si fermeranno a San Josè per uno stage curriculare di 2 mesi presso A3 Cube, startup nata da imprenditori italiani.

Let’s go!


Archivi